Contatti

Per contattarmi scrivetemi un messaggio privato sulla mia pagina facebook:

https://www.facebook.com/pages/La-Figlia-del-Brigante/126416270741469

La mail la guardo veramente poco! In ogni caso l’indirizzo mail è il seguente:

hodryronja@hotmail.it

Vi aspetto! E Buon ferragosto, visto che ci siamo! 🙂

Annunci

Perchè le sirene?

Immagine

…perchè sono belle. Belle e pericolose. Perchè sono selvatiche, sono infide, mortali, eppure a modo loro umane, malinconiche, evocative. Uniscono il mondo animale, il freddo mondo dei pesci, l’oscurità degli abissi ( perchè non è come nella Sirenetta, in cui il fondo del mare è luminoso) a qualcosa di caldo, mammifero, come solo il corpo di una donna sa essere. I loro occhi li ho sempre immaginati lattiginosi, la loro espressione persa nel vuoto se non quando cacciano…allora il loro sguardo acquisisce qualcosa di umano, di profondo e affascinante, che concentra la sua attenzione su di te che la guardi, e non sai che stai guardando l’ultima cosa bella della tua vita, mentre lei comincia a cantare.

Ho sempre immaginato le sirene degli abissi con gli occhi lattiginosi, a causa della lunga permanenza nell’oscurità, che le rende in superficie quasi cieche

Quando realizzo qualcosa, deve sempre esserci un motivo che mi spinge a fare proprio quel soggetto, e proprio in quella posizione. La cosa che mi piace di più nel realizzare le sirene è la loro flessuosità…cerco sempre di farle in posizioni non statiche, ma mentre nuotano, o mentre la loro attenzione è presa da qualcosa, o in atteggiamenti riconoscibili. Ci può essere molta umanità nelle sirene delle leggende, e in molte fiabe scritte successivamente, come quella di Andersen, e anche nelle mie sirene c’è una percentuale di umanità variabile, a seconda di come mi sento, o della richiesta di chi la vuole adottare.  A volte giocano con le onde, come delfini, a volte si ritraggono nel loro mondo accucciandosi in qualche anfratto, perse nei loro pensieri. Perchè credo che questo le accomuni agli umani…la capacità di pensare. Ma allora cosa pensano le sirene, mezze pesci mezze donne, in un mondo fatto di oscurità e bisogni primari? Non le ho mai immaginate vivere in un castello, con servitù, giardini e stanze private, ma colonizzare laghi, fiumi, cascate e baie, dove vivono in attesa, contemplando la propria bellezza, nascendo, riproducendosi e morendo, come tutte le normali creature.

Se una sirena finisse nelle mani degli umani sarebbe destinata ad una vita da prigioniera, come fenomeno da baraccone o peggio!

Ma forse mi sbaglio…forse vivono veramente nei castelli, e il loro non è che uno specchio della nostra realtà, solo a chilometri di profondità. Ma anche così non potremo mai saperlo, perchè loro sanno bene cosa gli aspetta che infrangeranno le regole e guarderanno oltre la superficie. Tutti noi lo sappiamo.

Ma la regola che sempre cerco di seguire è la stessa ” not jewels but living beings”….e spero la apprezziate 🙂

La mia prima sirena: la giovane si è avvicinata troppo alla superficie, restando intrappolata in una rete dorata

Si comincia!

Immagine

Salve a tutti!

Alcuni di voi mi conosceranno già tramite la mia pagina di facebook, dove ho cominciato a esporre le creazioni che di volta in volta realizzavo, inizialmente come aiuto e accessori per i cosplayers, poi sempre più cercando uno stile personale che si avvicinasse al disegno, ai racconti, alle storie.

Ho scelto di aprire anche un blog per raccogliere le creazioni a cui tengo di più, e spendervi due parole lontano dal caos di facebook e dai lavori che possono essere più o meno dettati dalle richieste di chi mi segue, com’è giusto che sia: una marea di soggetti, stili e atmosfere completamente diverse! Un vero e proprio caos di colori, fatture, forme e dimensioni, in cui riesco a malapena a raccapezzarmi!

Visto che, da sempre, i miei soggetti nascono da vere e prioprie storie, che diventano disegni, che diventano creazioni, ho pensato di raccontarle in queste pagine, lasciando magari a chi le adotta la possibilità di spendervi due parole in tranquillità, dandomi conferma che sono giunte in buone mani. Seguire la storia di una creazione che nasce su quel tavolo è molto importante per me, perchè mi insegna a migliorare e perfezionare il mio lavoro… sapere se questa si danneggia, si rompe, si deforma, o rimane intatta, se è indossabile, se è scomoda, se non si adatta a nessun abito, se è quasi più bella appesa al muro, mi farà crescere e rimediare ai miei errori!

Comincio quindi questo blog, per raccogliere le storie di questi piccoli esseri viventi, sperando che i loro genitori adottivi mi aiutino a farlo crescere! Per ora buona domenica a tutti, e a presto!

La Figlia del Brigante